Mattone selvaggio, la brutta pagina dell'Irpinia: prima a livello nazionale

A dirlo è l'edizione 2015 del rapporto Ecomafia di Legambiente realizzato col contributo di Cobat, ed edito dalla giovane casa editrice campana Marotta e Cafiero.

Licenze edilizie fantasma, ordinanze di demolizione nascoste nei cassetti, piani regolatori e appalti truccati, abusivismo. Un assegno in bianco da mettere nella cassaforte dei clan e una manna per i colletti bianchi del mattone.  La Provincia di Avellino conquista la maglia nera nazionale con il più alto numero di reati, 257, subito dopo ci sono Napoli (238) e Salerno (220).

A dirlo è l’edizione 2015 del rapporto Ecomafia di Legambiente realizzato col contributo di Cobat, ed edito dalla giovane casa editrice campana Marotta e Cafiero.

Non è proprio verde la nostra provincia. Per lo smaltimento dei rifiuti illeciti si posiziona al 13esimo posto nazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dati che devono far riflettere non solo la politica ma anche gli stessi cittadini che più delle volte sono i veri protagonisti di questa pagina triste e dolorosa per la nostra terra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioco erotico finito male, uomo trasportato al Moscati con un tappo bloccato nell'ano

  • Movida ad Avellino, il sindaco Festa in diretta a "Live Non è la D'Urso"

  • Coronavirus in Campania, nuova ordinanza di De Luca su mascherine e spostamenti tra regioni

  • Il sindaco Festa al centro della movida, cori e selfie con i ragazzi

  • Offerte di lavoro, Intesa Sanpaolo cerca diplomati e laureati

  • L'amministrazione comunale: "Quanto accaduto non mette in discussione il mandato di un’intera squadra"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento