Mattone selvaggio, la brutta pagina dell'Irpinia: prima a livello nazionale

A dirlo è l'edizione 2015 del rapporto Ecomafia di Legambiente realizzato col contributo di Cobat, ed edito dalla giovane casa editrice campana Marotta e Cafiero.

Licenze edilizie fantasma, ordinanze di demolizione nascoste nei cassetti, piani regolatori e appalti truccati, abusivismo. Un assegno in bianco da mettere nella cassaforte dei clan e una manna per i colletti bianchi del mattone.  La Provincia di Avellino conquista la maglia nera nazionale con il più alto numero di reati, 257, subito dopo ci sono Napoli (238) e Salerno (220).

A dirlo è l’edizione 2015 del rapporto Ecomafia di Legambiente realizzato col contributo di Cobat, ed edito dalla giovane casa editrice campana Marotta e Cafiero.

Non è proprio verde la nostra provincia. Per lo smaltimento dei rifiuti illeciti si posiziona al 13esimo posto nazionale.

Dati che devono far riflettere non solo la politica ma anche gli stessi cittadini che più delle volte sono i veri protagonisti di questa pagina triste e dolorosa per la nostra terra.

Potrebbe interessarti

  • Ciro ha bisogno di sangue e piastrine, possiamo aiutarlo?

  • Niente festival pirotecnico a Mercogliano: la tradizione si spezza dopo 70 anni

  • Crisi Sidigas, Federconsumatori mette in guardia dalle truffe

  • Il regista irpino Di Nenna e gli attori diversamente abili scelti come giuria del "Social World Film Festival"

I più letti della settimana

  • Giannino è stato ritrovato in un lago di sangue, lotta tra la vita e la morte

  • Ennesimo suicidio in Irpinia, donna si toglie la vita

  • Troppe risse: bar chiuso per pericolo di ordine pubblico

  • Dal produttore al consumatore, inaugura ad Avellino la Bottega Campagna Amica

  • Schianto tremendo davanti al Movieplex, tre donne ferite

  • Sagre e feste del weekend dal 19 al 21 luglio 2019 ad Avellino e in provincia

Torna su
AvellinoToday è in caricamento