Una docente universitaria irpina coordinatrice didattica dell'Academy 5G

Una opportunità per molti giovani attratti dalle nuove tecnologie

Una opportunità di formazione unica in Italia in previsione delle grandi trasformazioni annunciate dal 5G. L’Università degli Studi di Napoli Federico II, attraverso il suo centro di tecnologie avanzate (CeSMA) diretto dal Prof. Leopoldo Angrisani, in collaborazione con Capgemini, leader nel settore ICT, ha istituito un' academy presso il Polo tecnologico di San Giovanni a Teduccio a Napoli.

Coordinatrice didattica per la Federico II di questa academy è Antonia Maria Tulino, originaria di Sperone, professore ordinario in telecomunicazioni presso il dipartimento DIETI (Dipartimento di Ingegneria Elettrica e delle Tecnologie dell'Informazione ) della Federico II e Research professor presso  il Department of Electrical and Computer Engineering  NYU Tandon School of Engineering, NY, USA.  

Nel percorso didattico, della durata totale di 6 mesi, gli studenti partecipanti avranno la possibilità di frequentare gratuitamente (in quanto i costi della prima edizione saranno a carico di Capgemini) percorsi di formazione sugli attuali hot topic, quali IoT, Digital Manufacturing, Cyber Security, artificial intelligence e tecnologie cloud, supportati dai partner tecnologici coinvolti nella redazione di business case e nello sviluppo delle loro competenze.

C’è tempo per iscriversi fino al 15 dicembre per prendere parte a questa scuola professionalizzante con risvolti sul mondo del lavoro fin da subito. I migliori entreranno nell’ambito aziendale della Transformation Consulting di Capgemini.  La 5G Academy e’ la prima academy in Italia sul 5G. L’obiettivo della 5 G Academy è creare la workforce del prossimo futuro pronta ad affrontare il mondo del  5G, capace di sviluppare case study innovativi a tema 5G applicabili a settori diversi e di trarre il massimo da questa digital transformation.

Una workforce fatta di risorse altamente specializzate in aree di particolare rilevanza ed interesse, ma anche arricchite da competenze trasversali ed eterogenee ed in possesso di un linguaggio comune che consentirà ad ogni risorsa di contribuire alla trasformazione 5G con effetto moltiplicatore.  L’obiettivo e’ formare «generalisti specializzati». Professionalità queste di importanza fondamentale nell'ambito dell"open innovation" e  normalmente frutto di diversi anni di esperienza professionale in azienda ed in team multidisciplinari.

L’academy si rivolge, infatti,  non solo a laureati di tipo scientifico-tecnologiche (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) ma anche a laureati in economia e scienze umanistiche.  L’academy partirà a gennaio 2020  e terminerà a fine luglio  2020.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I docenti coinvolti nell’academy saranno della Federico II, provenienti da diversi aree scientifiche ed economiche,  sia docenti di rinomate università nazionali ed internazionali e rappresentanti del mondo industriale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Positivo al Coronavirus: è gravissimo al "Moscati"

  • Coronavirus in Irpinia: 10 nuovi casi nelle ultime 72 ore, riapre la Palazzina Alpi al Moscati

  • Carmen, 14 anni, è scomparsa da Avellino: aiutateci a trovarla

  • Dramma in Irpinia, il comandante dei carabinieri è stato trovato senza vita

  • Salgono i casi di Covid a Santa Lucia di Serino, uno anche a San Michele

  • Coronavirus in Irpinia, l'Asl conferma tutti i casi positivi del serinese

Torna su
AvellinoToday è in caricamento