Falsi incidenti: l'avvocato irpino resta in silenzio davanti al giudice

L'uomo è ritenuto a capo del gruppo di truffatori

Non risponde al giudice, l'avvocato arrestato per una serie di truffe alle assicurazioni. Il 43enne (C.G. le sue iniziali), avvocato di Mercogliano, attualmente rinchiuso nel carcere di Bellizzi, è rimasto in silenzio davanti al Gup del tribunale di Avellino Marcello Rotondi. Una maxi inchiesta, questa sui falsi incidenti, che ha portato all'arresto di 10 persone e che ne ha tra gli indagati altre 14. Introiti milionari quelli emersi dalle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma e scoperti grazie alla segnalazione della società assicurativa Generali, delegata alla gestione del fondo di garanzia vittime della strada. Oltre all'arresto in carcere del noto avvocato irpino, ritenuto al vertice del gruppo di truffatori, sono stati disposti gli arresti domiciliari anche per, tra gli altri: il Giudice di Pace di Sant’Anastasia; il cancelliere dell’ufficio del giudice e suo figlio; un medico in servizio al Loreto Mare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Migliori ristoranti di Avellino, ecco la nostra classifica

  • Fine dei disagi, riapre il viadotto di Parolise

  • Colta da un malore durante un compleanno, muore 18enne

  • Tremendo schianto frontale, donna muore sul colpo

  • Nuovo Clan Partenio, ecco come è cambiata la camorra in Irpinia dopo l'operazione "Partenio 2.0"

  • Nuovo Clan Partenio, c'è attesa per capire il destino dei locali "It's Ok" e "Pomodoro"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento