Agente della polizia postale si toglie la vita con un colpo di pistola

E' stato trovato morto nel bagno. Non si conoscono le motivazioni del suicidio

Ha deciso di togliersi la  vita sparandosi alla testa con la pistola d’ordinanza durante l'orario di lavoro. L'agente della polizia postale Antonio Rega, 44 anni, residente a Sperone ma originario della vicina Avella, ha compiuto l'insano gesto mentre era in servizio nel compartimento di via delle Repubbliche Marinare dell'ufficio postale di Napoli.

E' stato trovato morto nel bagno. Non si conoscono le motivazioni del suicidio. La vita dell'uomo è stata contrassegnata mesi fa dal lutto dei genitori che morirono a distanza di 24 ore uno dall'altro. Una persona ben voluta, mite, rispettoso e amico di tutti. Un dolore immenso non sono per i familiari ma per i tanti conoscenti. Una comunità sconvolta dalla triste notizia. Lascia la moglie.

Potrebbe interessarti

  • Piano Antismog, ecco quando tornerà in vigore ad Avellino e negli altri Comuni

  • Saldi estivi: le date in Campania

  • Liceo Mancini, il grido dei genitori, dei docenti e degli studenti: "Il prossimo anno vogliamo una sede"

  • Avellino Pride, nonna Eleonora: "Sono orgogliosa di mio nipote che ama un uomo"

I più letti della settimana

  • Ragazza di appena 28 anni si toglie la vita

  • Maxi operazione dei Nas: chiusi tre ristoranti, una casa di riposo, un asilo e un canile

  • Il pane di Sant'Antonio e il miracolo di Tommasino

  • Un immenso fiume di droga tra Napoli e Avellino, sgominata piazza di spaccio

  • Ormai non ci sono più dubbi, Gianluca Festa è il nuovo sindaco di Avellino 

  • Violento schianto tra auto, feriti i due conducenti

Torna su
AvellinoToday è in caricamento