Strage del bus, la Procura indaga su presunte minacce rivolte al giudice

L'eco della sentenza emessa nella giornata di ieri non si ferma

Non si ferma l'eco intorno alla sentenza del processo sulla strage del bus. Subito dopo la sentenza pronunciata dal giudice monocratico Luigi Buono, in aula, è esplosa la rabbia dei familiari delle vittime: «Vergogna, questa non è giustizia». «Assassini, venduti!». E' notizia di oggi che, la Procura di Avellino, è pronta ad aprire un’indagine. Stando a quanto si apprende, infatti, il capo dei pm ha avviato accertamenti sui momenti concitati che si sono susseguiti dopo la lettura della sentenza. La Procura indaga su presunte minacce rivolte al giudice. Nel mirino, neanche a dirlo, è finita la frase pronunciata da alcuni parenti delle vittime della strage: «Ti aspetto fuori, giudice».

Potrebbe interessarti

  • Vince mezzo milione con un gratta e vinci da 5 euro

  • Avellino Pride, nonna Eleonora: "Sono orgogliosa di mio nipote che ama un uomo"

  • Un irpino alla direzione del Primadonna fusion cafè nel salotto buono di Riccione

  • Eccellenze della Scuola: la giovane irpina Aurora conquista Roma

I più letti della settimana

  • Ragazza di appena 28 anni si toglie la vita

  • Uomo si accascia davanti la caserma dei carabinieri e muore

  • Il pane di Sant'Antonio e il miracolo di Tommasino

  • Un immenso fiume di droga tra Napoli e Avellino, sgominata piazza di spaccio

  • Vince mezzo milione con un gratta e vinci da 5 euro

  • Uomo stroncato da un malore nel corso del mercato settimanale

Torna su
AvellinoToday è in caricamento