Fiume di droga, esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare

Come disposto dal Procuratore della Repubblica, Dott. Aldo Policastro

Nella mattinata odierna, in Napoli Secondigliano, Caivano (NA) e Luogosano (AV), i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mirabella Eclano, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica di Benevento nei confronti di tre persone responsabili, a vario titolo, di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo hashish, marijuana, crack e cocaina. L’attività, coordinata dall’Autorità Giudiziaria sannita e sviluppatasi tra novembre 2017 e gennaio 2018, ha visto la genesi in seguito al sequestro di sostanza stupefacente operato a carico di due giovani tossicodipendenti. Le successive indagini hanno consentito di accertare l’esistenza di una fiorente attività di spaccio di sostanze stupefacenti da parte degli indagati che erano riusciti ad attirare una moltitudine di acquirenti provenienti da diversi comuni dell’Irpinia. L’attività info-investigativa, svolta anche con l’ausilio di intercettazioni telefoniche, ha permesso di individuare le piazze di spaccio e di accertare che tale fenomeno era da tempo diffuso a Luogosano. Le circostanziate informazioni acquisite da numerosi tossicodipendenti suffragavano ulteriormente i dati informativi in possesso dei militari che riuscivano ad acclarare anche come avvenivano gli scambi tra gli indagati e i tossicodipendenti. L’odierna operazione si va ad aggiungere ai numerosi risultati, anche recenti, conseguiti nel contrasto al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti a dimostrazione della penetrante attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento e svolta con costanza e dedizione dai Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino sul territorio irpino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco il tragitto del giovane tornato da Codogno: "E' tornato in auto"

  • Torna da Milano con la febbre altissima, trasportato al Moscati

  • Coronavirus, di ritorno a Montefusco da Codogno: scatta il protocollo

  • Coronavirus, due fratelli tornano a Lauro da Codogno: scatta il protocollo

  • Avellino in lutto, è morto il "vigile urbano buono"

  • Coronavirus, Lauro, il sindaco: "Hanno viaggiato in treno e poi sono andati a prenderli in auto"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento