Spaccio di droga e detenzione abusiva di munizioni, arrestato

Sottoposte a sequestro sia le sostanze stupefacenti che le banconote e le munizioni illegalmente detenute

Continua incessante l’opera di prevenzione e repressione in ordine al contrasto di attività illecite legate al fenomeno dell’uso e spaccio di sostanze stupefacenti disposta dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino. In tale contesto, un’altra importante attività è stata condotta dai militari della Compagnia di Montella che hanno tratto in arresto un 35enne del posto, ritenuto responsabile di spaccio di stupefacenti nonché detenzione abusiva di munizioni.

I fatti si sono svolti nella serata di ieri a Montella: i militari dell’Aliquota Radiomobile, notato il soggetto in atteggiamento sospetto nei pressi della villa comunale, decidevano di procedere al controllo.

E all’esito della perquisizione personale, veniva sorpreso in possesso di ben 21 dosi di eroina nonché della somma di 305 euro, probabile provento dell’illecita attività di spaccio.

A seguito della successiva perquisizione domiciliare, sono stati altresì rinvenuti sei flaconi di metadone e alcune cartucce calibro 38.

Inchiodato alle proprie responsabilità da tutte le evidenze raccolte, d’intesa con la Procura della Repubblica di Avellino, il 35enne è stato quindi dichiarato in arresto e trattenuto presso le camere di sicurezza della Compagnia di Montella, in attesa di comparire nella mattinata odierna dinnanzi al Tribunale per l’udienza di convalida.

Sottoposte a sequestro sia le sostanze stupefacenti che le banconote e le munizioni illegalmente detenute.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna da Milano con la febbre altissima, trasportato al Moscati

  • Coronavirus, ecco il tragitto del giovane tornato da Codogno: "E' tornato in auto"

  • Coronavirus, di ritorno a Montefusco da Codogno: scatta il protocollo

  • Coronavirus, due fratelli tornano a Lauro da Codogno: scatta il protocollo

  • Avellino in lutto, è morto il "vigile urbano buono"

  • Coronavirus, Lauro, il sindaco: "Hanno viaggiato in treno e poi sono andati a prenderli in auto"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento