Scandalo suore, Padre Manelli chiede aiuto a Papa Francesco: "Ti racconto tutto"

Il controverso padre Stefano Manelli, fondatore dei Francescani dell’Immacolata è a San Giovanni Rotondo nella casa del ramo femminile di via De Nunzio

Il controverso padre Stefano Manelli, fondatore dei Francescani dell’Immacolata è a San Giovanni Rotondo nella casa del ramo femminile di via De Nunzio. Spesso lo avvistano nelle vie di San Giovanni Rotondo, a passeggio, con alcune suore.  Ma non ricambia i saluti, al pari delle religiose, in ottemperanza al precetto della massima riservatezza e chiusura al mondo.  

Secondo quanto raccontano quelli che dall’Istituto sono andati via, il padre fondatore avrebbe esercitato un culto della personalità esagerato,  arrivando  a richiedere baciamano, baciapiedi, taluno lo ritene un santo in vita, lo pensano ispirato direttamente  dalla  Madonna, con casi di levitazione. Insomma, un panorama molto forte. Sempre le testimonianze di chi si è allontanato, parlano di terra bruciata che viene fatta intorno a loro con la polverizzazione della identità.  Agli aderenti sarebbe negato di dialogare tra di loro, di ricevere visite, di avere corrispondenza e persino di curarsi, il tutto per tutelare la riservatezza e la chisura al mondo.  A tutto questo, si aggiungono la sconcertante storia del voto di obbedienza vergato col sangue da alcune sorelle dell'Istituto femminile poi andate vie, e persino presunti abusi sessuali, fatti raccontati recentemente in tv e dal Corriere della Sera. 

Padre Manelli si difende e si è appellato al Santo Padre perché possa liberarlo dalle pesanti accuse, di soprusi e atti di libidine, confluite in un dossier consegnato alla Congregazione dei religiosi e poi depositato pure alla Procura di Avellino, dove attualmente sono aperti più filoni di inchiesta. E’ la richiesta di aiuto di Padre Stefano Manelli, il fondatore dell’Ordine dei Frati Francescani dell’Immacolata, lanciata attraverso la tv in occasione di un’intervista rilasciata a «I Fatti Vostri», il programma di RaiDue condotto da Giancarlo Magalli.
"Papa Francesco, la prego, come Santità - ha detto Padre Manelli, rivolgendo lo sguardo alla telecamera - mi chiami pure subito perché sono pronto a venire anche immediatamente, proprio per chiarire, far presente tutta la realtà delle cose e tutto il bene che vogliamo cercare di realizzare per il bene della Chiesa e dell’umanità".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Avellino è in lutto: Tina si è spenta dopo una lunga malattia

  • Tragedia alla clinica Malzoni: bimbo nato morto, aperta un'inchiesta

  • Azienda cerca vari profili per opportunità di lavoro

  • Avellino, maxi blitz contro il nuovo clan Partenio: 23 arresti

  • "Nuovo Clan Partenio" in ginocchio, i dettagli dell'operazione

  • Bimbo nato morto alla clinica Malzoni, effettuata l'autopsia

Torna su
AvellinoToday è in caricamento