La polizia punta sull'effetto emulazione: calciatori a lezione di sicurezza stradale

L'incontro rientra nella campagna “Rispetta le regole, vinci la vita” organizzata dalla Lega di Serie B e dalla Polizia Stradale e promossa dall’Associazione “Lorenzo Guarnieri”, giovanissima vittima della strada

Il grande progetto di educazione alla sicurezza stradale “Rispetta le regole, Vinci la vita”, giunge ad Avellino. 

Il progetto, realizzato con la Polizia di stato, la Lega Nazionale Professionisti B e l’Associazione Lorenzo Guarnieri Onlus, si svolge tenendo un corso di formazione sul tema della sicurezza stradale rivolto a giocatori, staff tecnici e dirigenti.

L’evento ha il duplice beneficio di: rendere consapevoli i calciatori sul tema della violenza stradale attraverso analogie tra il campo da gioco e la strada, evidenziando quanto il rispetto delle regole porti ad un buon risultato sportivo, così come ad un comportamento di guida sicuro; favorire, attraverso l’immagine dei calciatori stessi, un comportamento corretto sulla strada anche dei tifosi grazie ad un effetto emulazione.

Troppe volte si vedono stigmatizzati comportamenti negativi di calciatori nei media, mentre si tende ad evidenziare troppo poco gli esempi positivi che esistono nel calcio e nello sport. Tra gli obiettivi del progetto c’è anche quello di agevolare la testimonianza attiva di comportamenti positivi da parte dei calciatori e degli addetti ai lavori che, grazie al loro esempio, possono aiutare a salvare molte vite.

"Il calcio è seguitissimo ed i giocatori sono dei potenti veicoli per poter parlare con i giovani ed i giovanissimi. Le parole dei loro idoli possono sicuramente lasciare qualcosa ed aiutarci nella nostra opera di prevenzione, sensibilizzazione e, nel caso dei più giovani, di creazione della cultura legata alla sicurezza stradale" ha detto durante l'incontro il Vice Questore Aggiunto Renato Alfano, dirigente della Sezione Polstrada di Avellino. 

In sala vari atleti Angelo D’Angelo, Pietro Visconti, Marco Chiosa, Samuel Bastien, Guido D’Attilio e Alessandro LigiWilliam Jidayi, Davide Biraschi, Nicolas Napol, Milan Nitrianský, Tommaso Bianco ma anche i dirigenti Luigi LalloRoberto Di Gennaro, e l'addetto stampa Beniamino Pescatore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 38 anni per un male incurabile, istituita una borsa di studio per i figli

  • Lutto per la famiglia Pennella: Peppino tradito dalla sua passione per la foto

  • La "Masi" anticipa l'uscita per il terremoto, la dirigente rimuove il responsabile 

  • Mangiano e dormono all'agriturismo e poi scappano senza pagare

  • L’irpina Enrica Musto commuove il pubblico di “Tu si que vales”

  • Trovato il cadavere di un 51enne in un appartamento

Torna su
AvellinoToday è in caricamento