Pratola Serra, prefetto invia commissione d'accesso antimafia

La nota di SiAmo Pratola Serra

Il Prefetto invia commissione d’accesso antimafia presso il comune di Pratola Serra. Di seguito il comunicato di SiAmo Pratola Serra che commenta la notizia diffusa dagli organi di stampa.

Abbiamo appreso dalla stampa locale - anche se la notizia circolava già da qualche giorno nel paese - che presso il comune di Pratola Serra si è insediata la commissione d’accesso antimafia prevista dall’art. 143 del TUEL. Come gruppo consiliare “SiAmo Pratola Serra” speriamo che con quanto disposto del Prefetto di Avellino, si faccia definitivamente chiarezza sull'operato delle amministrazioni Aufiero, visto che la gestione della cosa pubblica, al limite della legalità, è sotto gli occhi di tutti ormai da più di un decennio. La commissione d'accesso di nomina prefettizia avrà il compito, come da normativa in materia, di valutare gli elementi sui quali fondare la proposta di scioglimento del consiglio comunale, rappresentati da vizi e da anomalie dell'azione amministrativa, accertando eventuali condizionamenti o infiltrazioni nella macchina amministrativa. Verificherà, inoltre, la sussistenza di collegamenti diretti o indiretti tra la criminalità organizzata e gli amministratori. E auspichiamo, inoltre, che si faccia piena luce anche sui conti dell’Ente.

Come riportato dalla stampa, la commissione, insediatasi in concomitanza con le dimissioni della segretaria comunale Dott.ssa Myriam Feleppa, è formata dal dott. Angelo Cucco (Segretario Generale), dalla dott.ssa Stella Fracassi (vice Prefetto) e dal Capitano dei Carabinieri Domenico Signa e il suo insediamento è avvenuto qualche giorno fa; stupisce, pertanto, che il sindaco Emanuele Aufiero non ne abbia dato notizia, probabilmente neanche ai componenti della maggioranza, visti i commenti sull’accaduto. L’accesso ispettivo non è certamente una condanna, ma suppone siano stati ravvisati elementi sufficienti per verificare se a Pratola Serra vi siano vizi di gestione e condizionamenti della malavita organizzata. Una misura adottata di rado dal Prefetto e che nell’hinterland Avellinese non si era mai vista prima, se non in qualche comune del Vallo Lauro. Una misura che getta un’ombra sull’intera comunità e che è stata tenuta nascosta anziché renderla pubblica. Se non altro per dimostrare piena collaborazione affinché la verità venga a galla in tempi brevissimi, ma soprattutto perché l’accesso ispettivo, nostro malgrado, investe l’intero consiglio comunale, e il sindaco Emanuele Aufiero aveva il dovere e l’obbligo, quantomeno morale, di informare sulla questione.

Ma come di consuetudine, si è cercato, invece, di nascondere tutto sotto il tappeto ormai colmo delle scellerate scelte politico amministrative; delle false attestazioni che puntualmente vogliono propinare ai bilanci, delle clamorose marce indietro sulle politiche sociali avendo toccato e sfondato il fondo delle casse comunali. Non sappiamo se i sorrisi ancora raggianti sono frutto di disinformazione o nascondono almeno un briciolo di disagio, ma quanto accaduto sigilla sulla fronte dell’intera cittadinanza qualcosa di molto simile alla Vergogna! Consigliamo, pertanto, al sindaco e all’intera maggioranza di dare le dimissioni già oggi, perché senza attenderne ulteriori, hanno già abbastanza motivi per andarsene a casa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Migliori ristoranti di Avellino, ecco la nostra classifica

  • Fine dei disagi, riapre il viadotto di Parolise

  • Colta da un malore durante un compleanno, muore 18enne

  • Tremendo schianto frontale, donna muore sul colpo

  • Nuovo Clan Partenio, ecco come è cambiata la camorra in Irpinia dopo l'operazione "Partenio 2.0"

  • Nuovo Clan Partenio, c'è attesa per capire il destino dei locali "It's Ok" e "Pomodoro"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento