Pannelli fotovoltaici a Monteforte: nessun reato commesso dagli amministratori nel 2014

Dopo 5 anni l’ufficio del giudice per le indagini preliminari ha disposto il decreto di archiviazione

Pannelli fotovoltaici a Monteforte il caso nel  2014 fece molto rumore. I rappresentanti del centrosinistra, in un infuocato consiglio comunale, sollevarono delle perplessità circa il comportamento del primo cittadino di allora Antonio De Stefano, del vice Vincenzo De Falco e del responsabile del settore tecnico Martino Pascale. Furono anche affissi dei manifesti dal locale circolo del Partito Democratico. Dopo 5 anni l’ufficio del giudice per le indagini preliminari ha disposto il decreto di archiviazione per i due amministratori e per il tecnico ritenendo che c’è infondatezza della notizia di reato. Il giudice per le indagini preliminari Marcello Rotondi ha motivato: “che gli accertamenti escludono una responsabilità penale, stante per la mancata sussistenza degli elementi costituitivi del delitto in questione”. Il giudice scrive ancora che “gli amministratori Antonio De Stefano e Vincenzo De Falco  hanno dimostrato la correttezza del loro operato in riferimento ai fatti contestati”.

Potrebbe interessarti

  • Vince mezzo milione con un gratta e vinci da 5 euro

  • Avellino Pride, nonna Eleonora: "Sono orgogliosa di mio nipote che ama un uomo"

  • Un irpino alla direzione del Primadonna fusion cafè nel salotto buono di Riccione

  • Eccellenze della Scuola: la giovane irpina Aurora conquista Roma

I più letti della settimana

  • Ragazza di appena 28 anni si toglie la vita

  • Le Migliori Gelaterie di Avellino: la classifica di Avellino Today

  • Vince mezzo milione con un gratta e vinci da 5 euro

  • Uomo si accascia davanti la caserma dei carabinieri e muore

  • Uomo stroncato da un malore nel corso del mercato settimanale

  • Il pane di Sant'Antonio e il miracolo di Tommasino

Torna su
AvellinoToday è in caricamento