Conferenza stampa Aiea per difendere i lavoratori dell'Isochimica

L'associazione italiana esposti amianto si presenta in occasione dell’apertura della sede territoriale di Pompei Salerno e Avellino.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AvellinoToday

Il 7 settembre alle ore 17,00 presso la sala stampa dell'ordine dei giornalisti di Avellino in Corso Vittorio Emanuele l'associazione italiana esposti amianto terrà un conferenza stampa in occasione dell'apertura della sezione territoriale di Pompei Salerno e Avellino.

Il movimento è nato a Casale Monferrato nel 1989 da un gruppo di famigliari di lavoratori e cittadini vittime dell'amianto insieme a un consistente gruppo di lavoratori delle Ferrovie dello Stato: nello specifico i ferrovieri dell'Officina Grandi Riparazioni (OGR) di Santa Maria La Bruna (NA). Non molti mesi dopo si sono associati anche alcune decine di lavoratori dell'ISOCHIMICA di Avellino.

Nel corso dell'appuntamento il vice presidente nazionale Mario Murgia presenterà le linee generali e l'attività della associazione a livello nazionale e in particolare al sud. Seguirà la presentazione dei responsabili della nuova sezione con l'attività che già informalmente si è iniziata a svolgere.

In particolare ad Avellino:

Bonifica dei territori contaminati dall'amianto a partire da quelli dell'Isochimica

Sorveglianza sanitaria dei lavoratori ex esposti all'amianto e finanziamento della ricerca per giungere a cure efficaci per le malattie da amianto attualmente inguaribili

Riconoscimento delle malattie professionali da amianto contratte dai lavoratori

Riconoscimento previdenziale, in base alla legge che ha messo al bando l'amianto, per quei lavoratori che hanno contratto malattie da amianto e sono privi di lavoro e di pensione

L'AIEA territoriale intende collaborare, come da statuto nazionale, con tutti coloro che operano per la messa al bando definitiva dell'amianto (proposta per il 2020) ed in particolare con tutte le associazioni e organizzazioni locali a partire dal Comitato degli ex lavoratori dell'ISICHIMICA perché le leggi esistenti siano attuate, perché nessuno, cittadino o lavoratore possa essere ancora contaminato. L'AIEA intende, come già pratica a livello nazionale, rivolgersi alla magistratura ogni volta che le leggi e i diritti vengono disattesi, a partire dalla situazione propria dell'Isochimica.

Torna su
AvellinoToday è in caricamento