Schianto mortale: il nome del ragazzo deceduto e la dinamica del dramma

Ecco cosa è successo

Gianluca Puorro

Si chiamava Gianluca Puorro, 28 anni, originario di Montefredane, il ragazzo che, alle prime luci dell’alba, è deceduto a causa di incidente stradale verificatosi in via Ligea a Salerno.

La dinamica

Era in auto (una Fiat Panda) insieme ad altre tre persone del suo stesso paese (due ragazze e un altro ragazzo) - e non quattro come inizialmente dichiarato dai soccorritori – quando, improvvisamente, intorno alle 5, si è ribaltata dopo una brusca frenata, per cause ancora da accertare, finendo poi sul marciapiede e schiantandosi contro una cancellata.

I soccorsi

Sul posto sono giunti i sanitari dell’Humanitas per Gianluca non c’è stato nulla da fare. Gli altri tre amici sono stati trasportati in codice rosso all’azienda ospedaliera universitaria “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona”: una ragazza è stata operata d’urgenza al fegato ed è tuttora in Rianimazione, la  prognosi è riservata;  l’altra giovane, invece, è ricoverata in Chirurgia d’Urgenza e nel giro di un paio di giorni potrebbe essere trasferita in Ortopedia, dove si trova l’altro amico che è rimasto quasi del tutto illeso in quanto ha riportato solo leggere fratture e contusioni. Nessuno di loro è in pericolo di vita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Strade Sicure: "Basta sangue"

"Ancora sangue, tanto, troppo e noi ci ritroviamo all’alba di stamane a pulire le strade dal sangue e detriti di un sinistro mortale di cinque  giovani di cui quattro in gravissime condizioni ed uno deceduto". Lo scrive in una nota l’Associazione Strade Sicure intervenuta assieme ai Vigili del Fuoco ed al 118 in via Ligea a Salerno dove si è registrato l’ennesimo tragico incidente stradale. Per l’Associazione è importante "organizzare campagne di prevenzione, attenzionare i giovani studenti nelle scuole, urlare forte che bisogna dire ‘basta sangue sulle strade’. Bisogna farlo ai convegni, alle manifestazioni, ovunque". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Irpinia: ecco la mappa aggiornata, Comune per Comune, al 3 aprile 2020

  • Vaccino Coronavirus supera primo test, Todisco: "Buona notizia che porta la firma del dott. Gambotto"

  • Tragedia in Irpinia: muore schiacciato dal camion dei rifiuti

  • Coronavirus, il Governo prepara la Fase 2: le prime a riaprire saranno le aziende

  • Coronavirus, il bilancio è pesantissimo: 49 nuovi casi in Irpinia

  • Altro dramma per la famiglia Caso: morto il padre del podista suicida

Torna su
AvellinoToday è in caricamento