Immigrati protestano a Pratola: "Non siamo in un centro accoglienza ma in un lager"

Si sono presentati, pacificamente e spontaneamente presso la Casa Comunale di Pratola Serra, circa 50 immigrati di cui due si sono fatti portavoce, in lingua inglese, riferendo delle pessime condizioni igienico-sanitarie in cui vivono presso la struttura situata in Località Ponte Sabato di via Tufara

Questa mattina si sono presentati, pacificamente e spontaneamente presso la Casa Comunale di Pratola Serra, circa 50 immigrati di cui due si sono fatti portavoce, in lingua inglese, riferendo delle pessime condizioni igienico-sanitarie in cui vivono presso la struttura situata in Località Ponte Sabato di via Tufara.

I problemi sono stati raccontati alla presenza del Sindaco Aufiero e degli agenti di Polizia Municipale, a cui si sono aggiunti i Carabinieri della locale Stazione, insieme a quelli di Mirabella Eclano e Montefalcione.

Il Sindaco si è immediatamente adoperato affinché tutti gli immigrati venissero fatti accomodare e rifocillati nell'Aula Consiliare, ascoltando le loro lamentele e visionando le fotografie di quanto lamentato.

In particolare, è stato segnalato: "cibo scarso e di cattiva qualità mischiato ad acqua, ambiente freddi da non consentire un riposo tranquillo, infiltrazioni d'acqua nella struttura, assenza di cure mediche e assenza di pocket money da 3 mesi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arrestato Vincenzo Schiavone, proprietario di Villa Esther e Santa Rita

  • "Prima dell'alba" racconta la storia di Marco: "Vado a Roma per prostituirmi"

  • Arresto Vincenzo Schiavone, le intercettazioni: "Troppo oltre il limite e questo continua a fare lo spavaldo"

  • Lavoro in Comune a tempo indeterminato: si cercano diplomati

  • Spaventoso schianto in galleria, ci sono numerosi feriti

  • Incidente sull'Avellino-Salerno, le condizioni dei due feriti

Torna su
AvellinoToday è in caricamento