Fiera di Venticano, 40 anni di storia nel segno dell'economia

La giornata a Venticano ha preso inizio con la fanfara dei bersaglieri Città di Cassino che hanno sfilato per le strade del comune affiancandosi alla banda delle Majorette Città di Airola

40 anni di storia, circa 100 mila visitatori ogni anno, una festa nella festa, un traguardo storico per quella che è stata battezzata come la madre di tutte le fiere in Campania, la Campionaria di Venticano, per tradizione, costanza e continuità. Una vetrina importante in un territorio strategico, tra Avellino e Benevento. Porte aperte da stamane con l'inaugurazione ufficiale alla presenza delle massime istituzioni regionali e provinciali. 

La giornata a Venticano ha preso inizio con la fanfara dei bersaglieri Città di Cassino che hanno sfilato per le strade del comune affiancandosi alla banda delle Majorette Città di Airola.

Da piazza Monumento ai Caduti, dove è stata despota la corona d'allora, è partito un lungo corteo che ha raggiunto il salone fieristico di via del Foro. Qui al taglio del nastro erano presenti, il presidente del Consiglio Regionale Rosetta D'Amelio, il presidente della Provincia di Avellino Domenico Gambacorta, il sindaco di Venticano Luigi De Nisco, il consigliere regionale Carlo Iannace, il presidente della Pro Loco Luigi Villani, l'amministratore delegato dell'azienda Help-It, sponsor ufficiale della fiera, Gisueppe Ciarcia, i sindaci dei comuni del comprensorio.

Al tavolo dei saluti l'onorevole D'Amelio che ha parlato con orgoglio dei «40 anni di storia in una realtà bellissima come questa, sono straordinariamente importanti. Spesso facciamo tante iniziative che però non hanno una vera e propria continuità, qui invece c'è e va nella direzione giusta che mira allo sviluppo e alla valorizzazione delle eccellenze del territorio».

Emozionato il presidente della Pro Loco Luigi Villani, instancabile trascinatore di questo evento: «40 anni straordinari, siamo orgogliosi di questo traguardo. Una Campionaria che mostra tutte le sue potenzialità, senza nulla togliere alla Mostra d'Oltremare a Napoli. Con carte alla mano, possiamo vantare la presenza di oltre 300 espositori provenienti anche da fuori regione».

Non è mancata l'emozione anche per l'amministratore delegato dell'azienda Help It Giuseppe Ciarcia, che ritorna nel suo paese natale per parlare di una iniziativa innovativa nel settore della sicurezza. «Sono orgoglioso e contento di essere a Venticano a presentare la nuova applicazione per telefoni cellulari. Un sistema sicuro e utile per tutti i cittadini. La cosa importante che voglio sottolineare che Help-It non si sostituisce alle forze dell'ordine ma offre un valido contributo».

A fare gli onori di casa il sindaco del paese venticanese Luigi De Nisco, che ne ha visti di tagli di nastri di questa fiera leggendaria: "Una fiera nata quasi per gioco, da parte di alcuni amici, che oggi rappresenta il nostro orgoglio non solo a livello provinciale. Sta dando lustro alle nostre zone a all'Irpinia intera. Un evento a carattere regionale ormai. Ci auguriamo che arrivi presto la parola fine sulla storia dei finanziamenti chiesti da anni relativi alla progettazione definitiva dell'area fieristica».

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Violento scontro moto-auto: centauro gravemente ferito

    • Cronaca

      Segnalato 41enne: aveva 5 grammi di hashish in casa

    • Incidenti stradali

      Schianto sull'Ofantina: Antonio trasferito a Pozzuoli

    • Cronaca

      Violenza privata a Chiusano San Domenico: due denunce

    I più letti della settimana

    • Non sopportava la morte del figlio e si toglie la vita

    • Paternopoli a lutto: è morto il farmacista Bagaglia

    • Schianto terribile, auto si ribalta: conducente incastrato tra le lamiere

    • E' morto l'ex sindaco di Sant'Angelo dei Lombardi

    • Scoperta casa a luci rosse ad Ariano

    • Trovato l'evaso pericoloso: carabinieri lo bloccano a San Martino Valle Caudina

    Torna su
    AvellinoToday è in caricamento