Estorsione in concorso con l’aggravante del metodo mafioso: due arresti

I carabinieri hanno messo le manette ai polsi di due pregiudicati in esecuzione di ordine di carcerazione

Questa mattina a Mercogliano, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Avellino hanno tratto in arresto Galdieri Pasquale cl. 1974 e Pagano Beniamino cl. 1980.
I due arresti sono stati operati in esecuzione degli ordini di carcerazione emessi oggi dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Avellino, conseguentemente all’inammissibilità dei ricorsi dichiarata dalla Corte Suprema di Cassazione a carico dei predetti, già tratti in arresto il 18 novembre del 2008, unitamente ad altri soggetti ritenuti all’epoca dei fatti affiliati al Clan Cava, a conclusione di una serie di indagini avviate sin dall’anno 2006, allorquando un imprenditore edile veniva avvicinato dagli arrestati al fine di ottenere in regalo un appartamento in Mercogliano.
Dopo una serie di pressioni l’imprenditore si rivolse ai Carabinieri che tempestivamente si attivavano al fine di dare risposte immediate e sicurezza.
Successivamente alle formalità di rito, per i due arrestati si sono riaperte le porte della Casa Circondariale di Avellino dove il Galdieri dovrà espiare 4 anni di reclusione ed il Pagano 3 anni e 3 mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Migliori pizzerie di Avellino, ecco la "Top Ten" di novembre 2019

  • Il mercato bisettimanale di Avellino trasloca

  • Il comune di Avellino cerca quattro giovani laureati

  • Nuovo Clan Partenio, altri 16 indagati: fiume di droga sulla rotta Irpinia-Balcani

  • Si sente male dal parrucchiere: donna trasportata d'urgenza in ospedale

  • Nuovo Clan Partenio, chiuse le indagini su Damiano Genovese

Torna su
AvellinoToday è in caricamento