Due valloni trasformati in strade: denunciati gli autori

Immediatamente il personale dei Comandi Stazione forestale di Bagnoli Irpino e Volturara Irpina ha proceduto al sequestro degli abusi rilevati, realizzati in assenza di permesso di costruire e delle necessarie autorizzazioni ambientali, risultando l'area interessata vincolata paesaggisticamente

Il Corpo forestale dello Stato durante una perlustrazione ha scoperto l’esistenza di due piste di esbosco, realizzate ex-novo lungo due valloni ivi esistenti, per una lunghezza complessiva di 500 metri ed una larghezza media di 2 metri alla località “Cortuni-Petinite” di Montella.

 Immediatamente il personale dei Comandi Stazione forestale di Bagnoli Irpino e Volturara Irpina ha proceduto al sequestro degli abusi rilevati, realizzati in assenza di permesso di costruire e delle necessarie autorizzazioni ambientali, risultando l’area interessata vincolata paesaggisticamente, idrogeologicamente e ricadente all’interno dal Parco Regionale dei Monti Picentini e della Zona di Protezione Speciale (Z.P.S.), denominata “Picentini”.

 L’autore degli abusi constati veniva deferito prontamente all’Autorità Giudiziaria  per deturpamento ambientale e realizzazione di  abusi edilizi in assenza delle dovute autorizzazioni, comprensive di quelle paesaggistico-ambientali. Le strade scoperte dalla forestale venivano utilizzate dalla ditta boschiva impegnata nelle connesse attività di taglio del bosco in argomento, per procedere alle operazioni di esbosco della legna tagliata in montagna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In particolare il personale ispettivo constatava, all’interno dell’area interessata dal taglio boschivo, la presenza di diversi movimenti di terra costituiti da attività di scavo e riporto per livellamenti, ampliamenti ed accumolo di materiale all’interno di un alveo ivi esistente, tutte opere eseguite per agevolare il passaggio di mezzi meccanici  e causanti la rottura degli argini e la deviazione del corso del vallone con conseguenze negative  di natura idrogeologica e determinanti anche l’intorpidamento delle acque di ruscellamento confluenti a valle del fiume Calore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni di giugno pagate in anticipo: in Campania aumenteranno le minime

  • Decreto Rilancio, da oggi IVA zero sui dispositivi di protezione: ecco quali

  • Ha un tumore al fegato: gli specialisti del Moscati gli donano una speranza

  • Shock a Mercogliano, spari contro un'auto con quattro giovani a bordo

  • Ennesima tragedia della solitudine, donna si toglie la vita gettandosi dal balcone

  • Coronavirus ad Ariano, dallo screening sierologico riscontrati circa 700 positivi

Torna su
AvellinoToday è in caricamento