Coronavirus, uno studio rivela: "Campania fuori dall'emergenza entro il 20 aprile"

Le previsioni dell'Eief sulla fine della pandemia nella nostra regione

Gli effetti della quarantena in Campania dovrebbero concretizzarsi entro metà aprile, secondo lo studio dell’Einaudi Institute for Economics and Finance (Eief), che ha avviato un lavoro di ricerca sulla base dei dati forniti dalla Protezione Civile, per formulare le prime proiezioni attendibili per l'attesa quota zero nei contagi.

Secondo tali proiezioni ottimistiche, qualora proseguissimo nella strada del massimo contenimento del virus a maggio potrebbero esserci zero contagi in Italia, come riporta anche Today. Lo studio è stato condotto da Franco Peracchi, docente della Georgetown University e dell'Università di Roma Tor Vergata e per la prima volta cerca di fornire un orizzonte per l'azzeramento delle nuove diagnosi di Covid-19 fra il 5 e il 16 maggio. La Toscana ad oggi sembra la regione più indietro nel piegare la curva. Potrebbe andare meglio in Trentino-Alto Adige che potrebbe vedere la luce in fondo al tunnel già il prossimo 6 aprile, seguita da Basilicata e Valle d’Aosta, poi Lazio. Per le regioni più colpite ci vorrà più tempo, per il Veneto il giorno-zero sarà tendenzialmente dopo il 14 aprile, entro fine aprile traguardo anche per Lombardia ed Emilia-Romagna.

Per la regione Campania, invece, la data prevista per il giorno a zero contagi potrebbe essere il 20 aprile. Chiaramente prima di tornare alla normalità servirà del tempo, perchè i rischi di contagi di ritorno dureranno mesi. Il problema inoltre è che oggi non esiste una reale conoscenza dell'entità dell'epidemia, visto che gli effettivi positivi, magari asintomatici, sono nettamente sottostimati. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo una proiezione dello stesso istituto Eief, inoltre, si può calcolare che le famiglie più direttamente colpite dalla chiusura dell’attività, quelle cioè in cui almeno uno dei percettori di reddito lavora in una delle branche di cui il Governo ha disposto la chiusura, sono circa il 25% del totale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioco erotico finito male, uomo trasportato al Moscati con un tappo bloccato nell'ano

  • Movida ad Avellino, il sindaco Festa in diretta a "Live Non è la D'Urso"

  • 55enne di Mercogliano asintomatica aveva avuto contatti con alcuni commercianti

  • Miracolo a Solofra: i medici dell'Ospedale Landolfi salvano giovane madre

  • Il sindaco Festa al centro della movida, cori e selfie con i ragazzi

  • Nuovo Clan Partenio, ecco chi sono i tre nuovi indagati

Torna su
AvellinoToday è in caricamento