Convento degli orrori di Frigento, padre Manelli accusato di truffa

Si aggrava la posizione del fondatore della congregazione dei Frati Francescani dell’Immacolata. L'uomo è stato iscritto nel registro degli indagati per truffa e falso

Padre Stefano Manelli, fondatore della congregazione dei Frati Francescani dell’Immacolata, è stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Avellino. Le accuse sono molto gravi. Si parla di truffa e falso. 

La Santa Sede ha reso noto che padre Manelli è stato trasferito d’urgenza presso una struttura religiosa ad Albenga, in provincia di Savona, a circa 1000 chilometri di distanza dal convento di Frigento, dove ultimamente il frate era tornato a dimorare.Padre Stefano Manelli risulta indagato, inoltre, per i reati di violenza sessuale e maltrattamenti.

L'ultimo filone d’inchiesta riguarda, invece, il "curioso" patrimonio della congrega: 59 fabbricati, 17 terreni, un impianto radiofonico e cinematografico, cinque impianti fotovoltaici e 102 autovetture per un valore di oltre 30 milioni di euro, oltre a enormi disponibilità finanziarie. Tutti questi beni erano affidati a due associazioni i cui vertici sono finiti sotto inchiesta insieme al prete.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Avellino è in lutto: Tina si è spenta dopo una lunga malattia

  • Tragedia alla clinica Malzoni: bimbo nato morto, aperta un'inchiesta

  • Azienda cerca vari profili per opportunità di lavoro

  • Avellino, maxi blitz contro il nuovo clan Partenio: 23 arresti

  • Nasce Geck'o Cookie Bar, una nuova golosa realtà in centro città

  • Bimbo nato morto alla clinica Malzoni, effettuata l'autopsia

Torna su
AvellinoToday è in caricamento