Incrementati i servizi preventivi dei carabinieri

Da inizio febbraio anche la "C.I.O."

È da qualche giorno che diversi cittadini chiedono: "Chi sono questi “nuovi” carabinieri, con la divisa un po' diversa?".

Dall’inizio del mese di febbraio il Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino ha predisposto un piano straordinario per il controllo del territorio che prevede, oltre ai servizi di pattuglia dei reparti territoriali della provincia, anche l’impiego di squadre di rinforzo della Compagnia di Intervento Operativo (C.I.O.) del 10° Reggimento Carabinieri Campania. L’Irpinia sarà quindi oggetto di ulteriori e mirati servizi di controllo straordinario svolti dall’Arma deiCarabinieri, finalizzati sia alla prevenzione ed al contrasto dei reati sia a rassicurare i cittadini. Tale attività riguarderà le aree ritenute più a rischio della provincia, soprattutto il Vallo di Lauro la Valle Caudina, visti anche i recenti episodi di criminalità predatoria e di sangue. Le squadre della C.I.O. non utilizzano le normali uniformi in uso all’Arma territoriale ma adoperano una particolare uniforme operativa: basco, tuta ignifuga di colore blu scuro e jacket operativo. L’equipaggiamento: un apparato radio “Puma”, un kit per la circolazione stradale, visori notturni, metal detector, giubbetti e caschi antiproiettile, binocoli e complessi fotografici. Le C.I.O., presenti all’interno dei Reggimenti e Battaglioni dei Carabinieri di Milano, Venezia, Firenze, Roma, Napoli, Bari e Palermo, sono in grado di raggiungere qualsiasi località ed essere operativi entro l’arco di 48 ore rafforzando l’azione di controllo del territorio dei Comandi stanziali presenti. Si tratta di una risorsa strategica, specializzata neipattugliamenti, posti di blocco rastrellamenti ed assicura supporto agli organi investigativi nel corso di operazioni contro la criminalità. Uomini addestrati appositamente, capaci di captare e individuare i soggetti a rischio: pregiudicati, spacciatori, clandestini. Il personale della C.I.O. è interamente costituito da militari selezionati attraverso un addestramento svolto presso la Scuola Marescialli di Velletri, improntato alla difesa personale e alle tecniche di disarmo, al tiro operativo e di emergenza nonché alle tecniche antisommossa. Tali reparti contribuiscono ad alimentare la “Forza di pronto impiego” del Ministero dell’Interno per lo svolgimento di operazioni straordinarie di contrasto alla criminalità diffusa, infiltrazione terroristica e dell’immigrazione clandestina. L’impiego della C.I.O. è una prosecuzione di tutte le iniziative che i Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino hanno da tempo intrapreso con importanti risultati, per incrementare il livello di sicurezza e l’efficacia del controllo del territorio. Le pattuglie della C.I.O. saranno presenti nelle ore e nei luoghi più sensibili. E proprio in queste orestanno prendendo parte ad una serie di servizi di controllo del territorio disposti e coordinati dal Comando Provinciale di Avellino.  

Potrebbe interessarti

  • Sospensioni idriche, ecco i comuni che resteranno a secco

  • Addio a Nadia Toffa, il ricordo commosso di Luca Abete: "Non hai mai perso il sorriso, la dignità e la speranza"

  • Anche oggi sospensioni idriche, ecco i comuni che resteranno a secco

  • Ghemon "paralizza" Avellino: il piano di traffico per il concerto di oggi

I più letti della settimana

  • Gigi Marzullo operato d'urgenza al Moscati

  • La Maccaronara con fonduta di caciocavallo: il piatto 'illegale' di chef Vincenzo Vazza

  • Schianto terribile in autostrada, neopatentata 19enne grave al Moscati

  • Morso da una vipera: corsa al Pronto Soccorso per un 30enne

  • Neonata morta durante il parto, sei medici indagati

  • I cingoli di Calitri: la ricetta da Unti & Bisunti

Torna su
AvellinoToday è in caricamento