Sposati da 60 anni, muoiono a poche ore di distanza: lui in ospedale, lei a casa

Inseparabili fino all'ultimo respiro. Luciano Vito Donatiello, 88 anni e Antonia Lettieri, un anno più giovane sono morti a circa 9 ore di distanza

All’interno dell’omelia matrimoniale c’è una frase fortissima: “Finché morte non vi separi” ma a volte neanche la morte riesce a rompere un legame forte quando c’è l’amore in una coppia. Casualità oppure no, a Teora due coniugi hanno sconfitto questa dicitura e sono, di fatto, morti insieme.

Inseparabili fino all'ultimo respiro. Luciano Vito Donatiello, 88 anni e Antonia Lettieri, un anno più giovane sono morti a circa 9 ore di distanza. La loro era una storia d'amore lunga 60 anni dalla quale erano nati due figli. Insieme anche nell'ultimo viaggio: lui è morto il 2 gennaio in serata all'Ospedale di Oliveto Citra, in provincia di Salerno dove era ricoverato mentre la moglie è spirata in casa il 3 gennaio all'alba.

A Teora, piccolo comune dell'avellinese, la comunità si è stretta intorno ai due anziani. Uno dei figli è in Svizzera e si è affrettato a ritornare al paese natìo. L'altro figlio mori per un male incurabile. 

Una coppia, Luciano e Antonia che si sono amati “Nella gioia e nel dolore” per tanti anni. L’amore è quindi eterno.

Per loro un unico funerale nella Chiesa Madre San Nicola di Mira per l’ultimo saluto. Le bare una vicina all'altra come del resto è stato in tutta la vita terrena. "L'unico conforto è sapere che sono stati inseparabili nella vita e nella morte – ha raccontato una signora che abita poco distante - Se fosse stata data loro una scelta, questo è quello che avrebbero voluto".  La vita ha donato loro la possibilità di non soffrire l'uno della mancanza dell'altra. Adesso l'ultimo viaggio verso il cimitero, mano nella mano, inseparabili. Come sempre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco il tragitto del giovane tornato da Codogno: "E' tornato in auto"

  • Coronavirus, di ritorno a Montefusco da Codogno: scatta il protocollo

  • Coronavirus, due fratelli tornano a Lauro da Codogno: scatta il protocollo

  • Avellino in lutto, è morto il "vigile urbano buono"

  • Torna da Milano con la febbre altissima, trasportato al Moscati

  • Coronavirus, Lauro, il sindaco: "Hanno viaggiato in treno e poi sono andati a prenderli in auto"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento