Cantelmo: "Irpinia terra di latitanti e la gente si gira dall'altra parte"

"In questo territorio scorre un fiume di droga"

Il procuratore Cantelmo, a margine dell'arresto di Guglielmo Cirillo, camorrista 28enne tra i 100 latitanti più pericolosi in Italia, finito in manette proprio a Domicella, in provincia di Avellino, non le manda a dire e pone l'accento su di un problema indiscutibile: l'Irpinia, da sempre, è una delle mete preferite dai latitanti in cerca di nascondigli. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ma di cosa vi state meravigliando? - afferma Cantelmo – due anni fa, a Sperone, è stato arrestato Russo, uno dei 10 latitanti più pericolosi. In questa terra si tende troppo a guardare dall'altra parte. L'Irpinia è invasa dalla droga. Non c'è soltanto il piccolo pusher ma, dietro, c'è qualcosa di molto più grosso. Io mi domando soltanto una cosa: quando accadono queste cose, la gente dove sta? Come è possibile vedere una situazione di questo tipo e fare finta di niente. Noi continuiamo a fare il lavoro che abbiamo sempre fatto ma, in Irpinia, i latitanti trovano rifugio troppo facilmente. Di questo, dobbiamo prenderne atto".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Positivo al Coronavirus: è gravissimo al "Moscati"

  • Carmen, 14 anni, è scomparsa da Avellino: aiutateci a trovarla

  • Dramma in Irpinia, il comandante dei carabinieri è stato trovato senza vita

  • Coronavirus in Irpinia: 10 nuovi casi nelle ultime 72 ore, riapre la Palazzina Alpi al Moscati

  • Salgono i casi di Covid a Santa Lucia di Serino, uno anche a San Michele

  • Riapre Aloha ad Avellino, nuova sede e golose sorprese

Torna su
AvellinoToday è in caricamento