Affiliato ai Veneruso ma residente in Irpinia: arrestato 35enne

Il giovane è accusato, insieme ad un altro coetaneo, di tentato omicidio con aggravante mafiosa nei confronti di un 20enne

Affiliato al clan Veneruso di Casalnuovo, in provincia di Napoli. E' l'accusa nei confronti di Salvatore Rea, 35 anni, di Sant’Angelo a Scala, per tentato omicidio in concorso e porto abusivo di arma da fuoco con l’aggravante delle finalità mafiose insieme a Emanuele Esposito, 21enne di Casalnuovo di Napoli per il ferimento di Giovanni Gallucci Romano, 20enne di Casalnuovo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo le indagini dei carabinieri, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli, il 20enne fu solamente ferito dal momento che la pistola si inceppò. Gli investigatori dell’Arma hanno inoltre ricostruito il movente. Secondo i militari il clan Veneruso voleva riaffermare il controllo del traffico di stupefacenti a Casalnuovo di Napoli. Gli arrestati sono stati portati nell’istituto penitenziario di Secondigliano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carmen, 14 anni, è scomparsa da Avellino: aiutateci a trovarla

  • Dramma in Irpinia, il comandante dei carabinieri è stato trovato senza vita

  • Coronavirus in Irpinia: 10 nuovi casi nelle ultime 72 ore, riapre la Palazzina Alpi al Moscati

  • Salgono i casi di Covid a Santa Lucia di Serino, uno anche a San Michele

  • Riapre Aloha ad Avellino, nuova sede e golose sorprese

  • È di Solofra il nuovo tentatore di Temptation Island

Torna su
AvellinoToday è in caricamento