Sapore d'Irpinia

Sapore d'Irpinia

Re Panettone premia Vignola per tradizione e innovazione: "Dedico la vittoria a mia figlia"

Due premi per il pastry chef di Solofra nel concorso PanGiuso

Tradizione e innovazione le parole che meglio definiscono lo stile di Raffaele Vignola. Tra i più bravi pasticceri della nostra Irpinia, Raffaele non ha mai perso la strada di casa e con quel brio di novità che lo contraddistingue ha rivoluzionato l'arte del panettone locale unendo elementi squisitamente irpini all'estro del cambiamento.
E così due capisaldi della sua filosofia - tradizione e innovazione - sono stati l'arma vincente alla festa del dolce milanese. I lievitati di Raffaele Vignola sfornati eccezionalmente per Re Panettone hanno convinto la giuria in entrambe le categorie in gara.
Due le proposte che hanno permesso al pasticcere solofrano di ricevere il Premio PanGiuso classificandosi al terzo posto nella classifica della manifestazione milanese e al primo in quella speciale di Dissapore. Tra gli assaggi in gara un classico intramontabile e una novità assoluta. Vignola, in sfida con il meglio della produzione artigianale nazionale, selezionata per lavorare quotidianamente con metodi artigianali e ingredienti naturali, ha avuto il coraggio di presentare un dolce a cupola creativo e originale. Un panettone a base di basilico Dop e limoni canditi, un connubio stravagante che con equilibrio ha trovato la ricetta vincente per convincere i giudici e conquistare davvero tutta la platea. Alla fine il solofrano ha portato a casa 4 medaglie, d'oro e di bronzo, sia per il suo panettone classico che per quello che ha definito un Omaggio a Genova: 
“Sono felicissimo per i risultati raggiunti - commenta Vignola - soprattutto per l’innovativo 'Omaggio a Genova' perché è stato il risultato di un duro, lungo e faticoso lavoro fatto di prove e nottate. Ringrazio la mia famiglia per appoggiarmi in tutto e per tutto e dedico questa vittoria a mia figlia Linda”.
Il re panettone è una manifestazione del panettone milanese naturale al 100% solo con lievito madre, senza conservanti, additivi, ed emulsionanti. Partecipano solo 50 pasticcieri scelti tra i migliori in tutta Italia. Già dallo scorso anno Stanislao Porzio, ideatore della manifestazione, ha istituito la Certificazione Re Panettone, un bollo con ologramma, che "premia - spiegano gli organizzatori - i pasticcieri che si impegnano a usare durante tutto l'anno metodi artigianali e attesta, mediante controlli scientifici, freschezza, naturalità e artigianalità del prodotto". Elementi che a Raffaele Vignola non sono mai mancati.
 

Potrebbe interessarti

  • Piano Antismog, ecco quando tornerà in vigore ad Avellino e negli altri Comuni

  • Saldi estivi: le date in Campania

  • Liceo Mancini, il grido dei genitori, dei docenti e degli studenti: "Il prossimo anno vogliamo una sede"

  • Avellino Pride, nonna Eleonora: "Sono orgogliosa di mio nipote che ama un uomo"

I più letti della settimana

  • Ragazza di appena 28 anni si toglie la vita

  • Maxi operazione dei Nas: chiusi tre ristoranti, una casa di riposo, un asilo e un canile

  • Il pane di Sant'Antonio e il miracolo di Tommasino

  • Un immenso fiume di droga tra Napoli e Avellino, sgominata piazza di spaccio

  • Ormai non ci sono più dubbi, Gianluca Festa è il nuovo sindaco di Avellino 

  • Violento schianto tra auto, feriti i due conducenti

Torna su
AvellinoToday è in caricamento