Sapore d'Irpinia

Sapore d'Irpinia

Da Petró Osteria Contemporanea un inno ai sapori di Volturara

Una cucina genuina reinterpretata dal cuoco Del Percio con gusto e creatività, senza mai perdere di vista il fascino del passato

Petró Osteria Contemporanea un angolo di Irpinia in cui riscoprire  le mille sfumature della Piana del Dragone.

A Voltura Irpina, l'imprenditore Emilio Meo ha voluto ricreare con sapienza gli aspetti più genuini della tradizione gastronomica locale riproponendo le ricette del posto secondo un concept nuovo e all'avanguardia. Varcata la soglia di questo delizioso ristorante in via Benedetto Croce, sarete avvolti dal calore della familiarità in una chiave moderna, rustica ed elegante. La cucina tende a reinterpretare i piatti del territorio cercando di regalare emozioni inedite. Mantenendone le caratteristiche peculiari che rendono intramontabili i capisaldi della tavola irpina il cuoco, Carlo Del Percio, si diverte a valorizzare ingredienti popolari immaginando abbinamenti intriganti e connubi vincenti.
Onnipresenti i fagioli quarantini, il tartufo, la patata di Volturata, le castagne. D'altronde Petró si ispira ad una cucina povera, ma ricca per il palato. Nel menù nessuna retorica, da Emilio Meo troverete solo materie prime di altissima qualità che variano a seconda della stagione e della creatività dello chef.

Piatti capaci di parlare ad un pubblico esigente senza perdere di vista il fascino del passato. “Vengo da una famiglia che ha sempre avuto la consapevolezza del valore del cibo. Qui dove oggi c'è Petro mio nonno gestiva un caseificio - racconta Meo - È lui che mi ha trasmesso l'attaccamento al territorio e ai suoi frutti. Il mio ristorante è l'evoluzione delle mie esperienze, del mio legame con Volturara e l'Irpinia. Per me sarebbe stato più facile investire altrove, ma ho scelto la tradizione gastronomica locale puntando su una cucina casereccia di grandi prodotti, ma ben combinati”.
Quello di Emilio è un ristorante che offre pochi piatti fissi e vive di fuori carta per sfruttare la stagionalità degli ingredienti e del mercato. Lo chef Carlo del Percio nobilita le carni locali con cotture a bassa temperatura senza mai dimenticare la centralità del gusto.

Petro-2
L'autenticità degli ingredienti non viene oscurata da guizzi estetici troppo complessi, l'idea è tirare fuori il meglio da piatti solo apparentemente semplici. Per ritrovare le sensazioni del tempo che fu l'offerta portante di Petro è data dalle zuppe di fagioli e castagne, il mallone, la pasta fatta a mano, il tagliolino al tartufo e ovviamente le carni e i formaggi che sposano a pieno la tradizione pastorale e casara volturarese.

IMG_20181220_140054-2
“Il menù parte dalle tipicità locali - aggiunge Emilio - ingredienti selezionati da fornitori locali con cui il nostro chef gioca guidato dalla sua creatività molto contemporanea unita alla varietà dei piatti classici irpini. Il risultato e un’offerta in cui non può mancare il raviolo ripieno di ricotta, il tagliolino allardiato, la selezioni di carni preferibilmente irpine".
Petró Osteria Contemporanea è la giusta sintesi tra gusto e tradizione, una proposta creativa ma solida che si ispira alla terra madre di Emilio e senza compromessi ti conduce in un’esperienza godereccia in cui si amalgano ricordi, ricerca e qualità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brutto incidente ad Avellino, tre le auto coinvolte

  • Nuovo Clan Partenio, si stringe il cerchio sui rapporti tra camorristi e professionisti

  • Quasi tre anni in carcere da innocente, finisce l'incubo di un 23enne

  • Dipendente “infedele” ruba nel supermercato dove lavora

  • Stop alla rilevazione del Gas Radon: la soddisfazione di CNA e Confesercenti

  • La "Masi" anticipa l'uscita per il terremoto, la dirigente rimuove il responsabile 

Torna su
AvellinoToday è in caricamento