Sapore d'Irpinia

Sapore d'Irpinia

Di cibo in vino, perlage di sapori da Alma Gourmet d'Irpinia

Alma incontra Feudi di San Gregorio: vincente il lavoro di squadra di Mattia del Gaudio, Alessia Urciuoli, Gianluca Tarantino e Rocco D'Angelo

Un dialogo armonico tra vino e cucina per raccontare lo stile di Alma Gourmet d'Irpinia in un corredo sensoriale pensato per esaltare il gusto.

La passione di una giovane brigata con lo sguardo rivolto verso l'ambiente enogastronomico locale si è tradotto in una serata speciale in collaborazione con la Cantina Feudi di San Gregorio. La sfida dello chef Mattia Del Gaudio è stata l'evoluzione dei sapori in un gioco di interazioni tra territorio, ingredienti, cotture e abbinamenti.

L'obiettivo era offrire agli ospiti un'esperienza completa di estrema godibilità attraverso una proposta che unisse il mondo del vino alla buona cucina italiana. Un menù ad hoc in cui gli accostamenti aromatici sono pensati nell'ottica dell'equilibrio e della tradizione.

IMG_20190524_205850-2

La proposta gourmet si apre con un aperitivo trasversale in abbinamento ad una bollicina versatile come lo spumante Metodo Classico Dubl Falanghina. Il nettare si affianca bene alle mazzancolle in pastella, le leggere sfumature mielate e minerali fanno da contrappunto alla tartelletta di baccalà mantecato, mentre la bollicina si oppone bene alla grassezza del lardo adagiato su soffici focaccine al pepe rosa. La bocca resta fresca, sapida, dinamica, pronta per proseguire la serata con un interessante tortello ripieno di blu di pecora Carmasciando. Il formaggio erborinato è un'autentica specialità dell'azienda di Angelo Nudo e la pasta all'uovo perfettamente tirata è l'involucro ideale per avvolgere un sapore la cui intensità cresce progressivamente trovando una nota balsamica nella riduzione di ortica e il richiamo acido nella coulis ai frutti di bosco. Gli aromi intensi, talvolta pungenti trovano freschezza nei profumi agrumati del Biancolella che colpisce il palato per mineralità e sapidità.

IMG-20190528-WA0002-2

Il matrimonio vino cucina raggiunge piena espressione nel secondo piatto: una guancia di vitello brasata completata da una purea di cipolle rosse e patate fondenti. Le dodici ore di cottura a bassa temperatura rendono la carne tenera e succulenta. Lo spessore dei sapori è sostenuto da un Taurasi 2012. La scelta del bicchiere è infatti caduta su un Piano di Montevergine, un vino robusto, caldo, persistente, fruttato e speziato al naso, di grande impatto che compartecipa alla commistione di profumi integrando per concordanza il bouquet e i richiami tannici del brasato. L'insieme garantisce morbidezza e dolcezza bilanciata dal sentore amaro di cacao presente sia nel piatto che nel calice.

IMG-20190528-WA0012-2

In chiusura si gioca con Privilegio, un setoso vino da dessert che proviene da uve Fiano lasciate appassire. Al sorso si delinea subito il gusto della frutta secca caramellata, fichi secchi e miele d’acacia, ovvero il giusto preludio per la petite patisserie di Del Gaudio. Bignè alla crema di mascarpone,  tozzetti e biscuit alle mandorle e cioccolato fondente sono l’epilogo di una bella congiunzione tra due mondi che si incontrano in una sinfonia di sapori.

IMG_20190524_213055-2

Potrebbe interessarti

  • Piano Antismog, ecco quando tornerà in vigore ad Avellino e negli altri Comuni

  • Saldi estivi: le date in Campania

  • Liceo Mancini, il grido dei genitori, dei docenti e degli studenti: "Il prossimo anno vogliamo una sede"

  • Avellino Pride, nonna Eleonora: "Sono orgogliosa di mio nipote che ama un uomo"

I più letti della settimana

  • Ragazza di appena 28 anni si toglie la vita

  • Maxi operazione dei Nas: chiusi tre ristoranti, una casa di riposo, un asilo e un canile

  • Schianto tremendo, centauro 47enne perde la vita

  • Tragedia in un fondo agricolo, uomo muore schiacciato dal suo trattore

  • Il pane di Sant'Antonio e il miracolo di Tommasino

  • Un immenso fiume di droga tra Napoli e Avellino, sgominata piazza di spaccio

Torna su
AvellinoToday è in caricamento