Al via la beatificazione di suor Maria Bernardette, l'amica di Papa Francesco

Nell’Aula della Conciliazione del Palazzo Lateranense a Roma, venerdì 10 maggio a mezzogiorno, sarà aperta la fase diocesana della causa di beatificazione e canonizzazione della Serva di Dio originaria di Montella

Nell’Aula della Conciliazione del Palazzo Lateranense a Roma, venerdì 10 maggio a mezzogiorno, sarà aperta la fase diocesana della causa di beatificazione e canonizzazione della Serva di Dio Maria Bernardetta dell’Immacolata, nata 101 anni fa a Montella e deceduta nel 2001. Al secolo Adele Sesso, all’età di 17 anni inizia il periodo di postulante a Roma nell’istituto delle Suore Povere Bonaerensi di San Giuseppe. Nel 1944 va in Argentina, venti anni dopo Pennsylvania e poi a Richmond, in Virginia, presso il seminario di San Giovanni Maria Vianney. Nel 1979 si incrocia la sua vita religiosa con quella di Jorge Mario Bergoglio, all’epoca provinciale dei gesuiti. “Madre Maria Bernardetta era una figura materna per i novizi – spiega la postulatrice della causa Silvia Correale – quando qualcuno di loro aveva un problema, Bergoglio li mandava da lei a chiedere consiglio. Aveva un tocco profondamente evangelico, una grande devozione”. Nel 1986 madre Maria Bernardetta torna in Italia, nella Casa di Roma; qui si manifestano i primi segni del tumore. La sua amicizia con Bergoglio continuò nonostante la lontananza: “Ogni volta che veniva nella Città Eterna, da vescovo, da arcivescovo e da cardinale, passava a salutarla, e così anche facevano gli altri gesuiti che l’avevano conosciuta negli anni della loro formazione – racconta Correale –. Durante una delle sue ultime visite, la Serva di Dio gli chiese l’unzione degli infermi, perché sentiva che le rimaneva poco da vivere. Il cardinale Bergoglio le impartì il sacramento il primo novembre del 2001; il 12 dicembre morì”.

Ora a distanza di 17 anni si apre, la fase diocesana per la causa di beatificazione e canonizzazione. Il rito, che sarà presieduto dal vicario del Papa per la diocesi di Roma, il cardinale Angelo De Donatis, si svolgerà nell’Aula della Conciliazione del Palazzo Lateranense. Saranno presenti i membri del tribunale diocesano: monsignor Giuseppe D’Alonzo, monsignor Slawomir Oder, il notaio attuario Marcello Terramani e il notaio aggiunto Giancarlo Bracchi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo clan Partenio, ecco dove i camorristi nascondevano il libro mastro dell'usura

  • Tragedia atroce, donna ritrovata senza vita

  • "Nuovo Clan Partenio" in ginocchio, i dettagli dell'operazione

  • Avellino, maxi blitz contro il nuovo clan Partenio: 23 arresti

  • Guida Espresso 2020, i migliori ristoranti in Irpinia

  • Nuovo Clan Partenio: "Se vuoi risolvere il problema devi prendergli la macchina"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento