No di “SiAmo Pratola” al forno crematorio, domenica incontro con i cittadini

"L’installazione di un forno crematorio è di notevole impatto ambientale e fonte di motivata preoccupazione"

"Nell'ultimo consiglio comunale, l’amministrazione Aufiero ha sostenuto ed approvato la realizzazione, mediante la procedura del project financing, di un forno crematorio da ubicarsi nel cimitero della frazione di San Michele. Ebbene, noi del gruppo consiliare “SiAmo Pratola Serra”, consideriamo tale opera puramente affaristica e certamente non UTILE alla nostra comunità” dichiara il gruppo consiliare “SiAmo Pratola Serra” in una nota. “L’installazione di un forno crematorio è di notevole impatto ambientale e fonte di motivata preoccupazione, tanto più perché si inserisce in un comune già profondamente segnato da evidenti criticità ambientali e che, dunque, non è più in grado di tollerare ulteriori emissioni tossiche. Una simile decisione, pericolosa per la popolazione, oltre che per le colture circostanti, non può – anzi non deve – essere presa in assoluta autonomia, escludendo, perciò, i cittadini”. “Il “pacchetto” forno crematorio è già confezionato; pertanto, invitiamo l’intera cittadinanza all’incontro pubblico che si terrà DOMENICA 3 MARZO alle ore 10:30 presso la sede del gruppo “SiAmo Pratola Serra” (corso Vittorio Emanuele – di fronte la chiesa di Pratola) affinché possa farsi parte attiva nel processo decisionale ed evitare che, in nome di un finto interesse pubblico, vengano fatte scelte avventate che potrebbero condizionare per sempre il nostro territorio e la nostra salute”.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Avellino è in lutto: Tina si è spenta dopo una lunga malattia

  • Tragedia alla clinica Malzoni: bimbo nato morto, aperta un'inchiesta

  • Azienda cerca vari profili per opportunità di lavoro

  • Nasce Geck'o Cookie Bar, una nuova golosa realtà in centro città

  • Bimbo nato morto alla clinica Malzoni, effettuata l'autopsia

  • Morte Fulvio Moschiano, dalle telecamere di sorveglianza la spiegazione del dramma

Torna su
AvellinoToday è in caricamento