Coronavirus, Biancardi: “Misure drastiche, ma necessarie. Ora siamo tutti arianesi”

Il messaggio del Presidente della Provincia

“L’ordinanza del governatore Vincenzo De Luca che chiude le porte di Ariano Irpino deve essere accolta positivamente. Si tratta di misure drastiche, ma necessarie per contenere il contagio su quel territorio, e non solo. I dati, purtroppo, restituiscono un quadro poco confortante in termini di casi registrati, per tale motivo sono da ritenere indispensabili provvedimenti come quelli adottati dal presidente della giunta regionale. Ora, più di prima, la splendida comunità di Ariano Irpino ha bisogno della vicinanza dell’intera Irpinia. Ora siamo tutti Arianesi. E non deve essere solo uno slogan.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A nome personale e dell’intero consiglio provinciale voglio farmi portavoce di un sentimento comune che sto riscontrando tra telefonate e social network di straordinaria solidarietà. La gente d’Irpinia sta dimostrando ancora una volta il suo cuore grande. A tutti gli arianesi, al commissario straordinario del Comune Silvana D’Agostino, dico non mollate. Forza. Il sole ritorna sempre!”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 55enne di Mercogliano asintomatica aveva avuto contatti con alcuni commercianti

  • Shock a Mercogliano, spari contro un'auto con quattro giovani a bordo

  • Miracolo a Solofra: i medici dell'Ospedale Landolfi salvano giovane madre

  • Ennesima tragedia della solitudine, donna si toglie la vita gettandosi dal balcone

  • De Luca contro il Governo: "Decisioni irresponsabili, dopo otto secoli ha ridato vita agli esercizi spirituali"

  • Nuovo Clan Partenio, ecco chi sono i tre nuovi indagati

Torna su
AvellinoToday è in caricamento